L’economia sociale di mercato come progetto di pace internazionale

Christopher Gohl, Nils Goldschmidt, Ulrich Hemel e Jeffrey Sachs

In nessuna parte del mondo il potere economico deve essere concentrato in modo tale da chiudere il mercato. La pace sociale è sempre più sotto pressione. Il modo in cui affrontiamo il cambiamento climatico, la digitalizzazione e le migrazioni, la generazione e la distribuzione della ricchezza in modo sostenibile, stanno diventando questioni cruciali per una convivenza prospera e pacifica. È quindi giunto il momento di riflettere sull’economia sociale di mercato come un ordine per il XXI secolo in grado di garantire la pace sociale – non solo in Germania, al di là dei confini dei partiti, ma in tutto il mondo. Perché contribuisce meglio di altri ordini a garantire che le persone vivano bene. La pace sociale può esistere a lungo termine solo se la maggior parte delle persone ritiene che le condizioni economiche siano fondamentalmente giuste ed ecologicamente sostenibili. L’economia sociale di mercato prepara il terreno per questo, perché è progettata fin dall’inizio per la riconciliazione: tra capitale e lavoro, città e campagna, ricchi e poveri, giovani e anziani, crescita e ambiente. Non serve gli interessi e i privilegi degli individui, ma dà a tutti la possibilità di svilupparsi. Combina libertà imprenditoriale, condizioni quadro stabili, coesione sociale e sostenibilità ecologica. Assicurando prosperità, innovazione e progresso, crea la base economica che consente alle persone di realizzare il loro potenziale attraverso una buona istruzione e il sostegno in situazioni di maggiore vulnerabilità, come la malattia, la disabilità e la disoccupazione. I suoi pilastri includono una comprensione liberale dello stato, una politica sociale orientata alle opportunità, il partenariato sociale tra sindacati e datori di lavoro e la democrazia come stile di vita. È importante trovare un equilibrio nella comunità tra la responsabilità personale e i limiti dell’azione basata sulla solidarietà, tra lo sviluppo della libertà e le regole del gioco eque ed applicate in modo affidabile. Né il paternalismo né l’assenza di barriere sono fondamentalmente la strada giusta. L’economia sociale di mercato non è solo un modello ordinamentale tedesco, e certamente non è da equiparare a una politica di austerità di cuore duro. In ogni caso, è arrivata da tempo in Europa: con l’articolo 3 del Trattato di Lisbona, gli Stati membri dell’Unione Europea si sono impegnati già nel 2009 a realizzare una “economia sociale di mercato competitiva” con obiettivi sociali ed ecologici. Anche al di là dell’Europa, si devono cercare modi per mettere in pratica e sviluppare ulteriormente i suoi principi, nel rispetto delle rispettive esperienze storiche, delle tradizioni culturali e dei costumi economici dei diversi Paesi. In nessuna parte del mondo il potere economico deve essere concentrato in modo tale da chiudere il mercato, rendere la politica dipendente e dettare le condizioni di lavoro ai dipendenti. In nessun luogo al mondo i poveri devono soffrire o l’ambiente deve essere rovinato da interessi privati. Dovremmo invece garantire una partecipazione equa e sostenibile alla prosperità e allo sviluppo per ottenere un progresso veramente inclusivo attraverso un’innovazione responsabile. È necessario un equilibrio tra lo sviluppo della libertà e le regole eque del gioco, in particolare per quanto riguarda la digitalizzazione e i mercati finanziari, che da tempo sono sempre più scollegati dall’economia reale. L’economia sociale di mercato come ordine umano è in grado di proteggere dalla completa commercializzazione digitale e dallo stato di polizia digitale. Tutti i popoli devono preservare la loro sovranità digitale con l’aiuto del sistema legale, di un’adeguata infrastruttura digitale e dell’istruzione. Essa definisce anche il quadro di un’economia finanziaria al servizio della pace sociale. Coloro che sono impegnati nell’economia sociale di mercato devono anche sollevare la questione di come affrontare le disuguaglianze nella ricchezza e nel reddito senza fissazioni ideologiche. Un eccesso di disuguaglianza sociale crea stress sociale.

L’economia sociale di mercato non è solo un ordine economico, ma è sempre stato principalmente un ordine morale di libertà responsabile e di solidarietà. Si tratta quindi sempre e comunque di un progetto culturale. Porta in sé l’etica democratica del dialogo, del compromesso, della moderazione, della tolleranza e del rispetto per i diversi modi di pensare. Nel XXI secolo, gli obiettivi di una buona convivenza, su cui deve ora basarsi, includono i diritti umani e delle minoranze, la lotta contro il razzismo e il degrado di altre persone, e la sostenibilità ambientale. Il Manifesto per un’etica economica globale, presentato dieci anni fa alle Nazioni Unite elenca i valori etici e religiosi accettati in tutto il mondo, che servono anche come base per un’economia sociale di mercato europea e globale: i principi umanitari e la Regola d’oro, la non violenza e il rispetto della vita, la giustizia e la solidarietà, la responsabilità e la tolleranza, il rispetto reciproco e il partenariato. I 17 obiettivi di sostenibilità adottati da tutti i 193 paesi delle Nazioni Unite, tra cui una buona istruzione, la lotta contro la povertà, la giustizia tra i sessi, un lavoro equo e istituzioni stabili e promotrici di pace, si inseriscono in questo contesto. Ovunque riusciamo ad allineare la libertà economica con la responsabilità globale, si apre la strada alle innovazioni e ai processi di apprendimento di cui abbiamo così urgentemente bisogno per la pace sociale e lo sviluppo sostenibile oggi e domani.

Pubblicato per il Weltethos Institut

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.